img_1768_20110327_1085314045

Alla fiera non eravamo in moltissimi a manifestare. Ancora una volta il popolo degli animalisti ha dimostrato di essere disunito e disgregato.Il potenziale animalista trentino ammonta sicuramente a più delle 21 unità che ieri hanno presidiato il palafiere di Riva del Garda per protestare contro questa indecente Fiera della Caccia della Pesca e, cosa aggiunta quest'anno per attutire l'impatto, dell'Ambiente. Da parte dei cacciatori sono piovuti insulti e fesserie di ogni tipo: la frase più gettonata è stata "Andate a lavorare" qualcuno ha miseramente affermato che "anche l'insalata soffre" 🙂 altri ci hanno accusato di mangiare carne e di portare scarpe in cuoio, qualcuno ha lanciato epiteti del tipo "troia" ad una ragazza che aveva la sola colpa di portare addosso un manifesto contro la caccia, altri sorridevano indifferenti di fronte alle foto degli animali massacrati lasciandosi andare a commenti del tipo "ma che bei buchi", riferiti ad un cervo impallinato coperto di sangue.. qualcuno con la figlia dupli laureata:) si è ritenuto offeso causa un nostro cartello che diceva: "la cultura della caccia è per analfabeti" . Insomma sono piovuti insulti, risate e volgarità gratuite .. che hanno provato ancora una volta, semmai ce ne fosse stato bisogno, che i cacciatori sono persone violente ed aggressive che non rispettano nè la vita degli altri animali nè chi non la pensa come loro!

Riva del Garda 26.03 – Sit-in contro la fiera della caccia e della pesca
Vota l\'articolo