vegan_fest_2011_-_camaiore_20110427_1005237312

Le foto scattate durante il Vegan Fest 2011 che si è tenuto a Camaiore (LU) dal 22 al 25 aprile 2011 Eccomi con un breve riassunto di questa eccezionale festa vegana organizzata da Sauro Martella e altri cuochi di vegan blog. A loro va tutta la mia riconoscenza e i miei ringraziamenti per un evento vegano di questa portata davvero straordinario. Credo senza esagerare che qualche migliaio di persone abbia visitato il vegan fest di Camaiore che aveva tra i suoi ospiti anche Red Canzian dei Pooh che ha gentilmente posato con me e Darky per qualche foto  La festa si è svolta nella bellissima villa Le Pianore in località Capezzano, una villa antica sede della duchessa di Lucca Maria Teresa di Savoia moglie di Carlo Lodovico di Borbone.La villa è circondata da un parco favoloso che ospita svariate piante anche esotiche, canneti di bambù, e ampi spazi verdi cui fanno da cornice viali ghiaiosi accompagnati da alti lampioni. Sotto la villa tutti gli stands gastronomici, dove venivano preparati in continuazione piatti vegani: crepes dolci, pizze, a panini golosi con vari ripieni, muscolo di grano, salse vegane più strane, insalate, pasta con mopur, miglio e mopur, assaggi vari, tisane, spremute, birre vegane, gelati, ecc.. e gli stands che vendevano prodotti vegani, che spaziavano dai formaggi, alla carne vegetale, al the, alle tisane, e ai più svariati tipi di frutta secca, .. insomma impossibile ricordare tutto.. poi più su, dopo aver percorso un breve viale in salita si arrivava subito sotto la prima scalinata delle villa e anche qui altri stands, animalisti e non, tutti in tema ovviamente, sotto la scalinata, vicino allo stand di seasheaperd si dipartiva la mostra, composta da una serie di foto delle imprese di sea sheapherd, in salvataggio delle balene, dei delfini, delle foche e di altri animali che popolano l'artico e che sono vittime inermi della violenza e dell'avidità dell'uomo. Lungo il percorso della mostra situata in una lunga galleria, il tavolo della PETA con le foto che riguardavano le pubblicità di questa grandissima associazione animalista, a seguire una serie di foto che riproducevano la sofferenza e le torture inflitte agli animali nei macelli e negli allevamenti intensivi, tutte accompagnate da filmati posizionati al centro delle foto da un lato e dall’altro della galleria, che venivano trasmessi il in continuazione.. molto significativo il posto tavola al centro composto da forchetta e coltello e al posto del piatto il filmato che mostrava la sofferenza di ciò che si mangia. Credo che nessuna persona dotata di un cuore, possa entrare in una mostra di questo tipo ed uscirne come è entrato. Poi subito sotto la villa e anche negli ampi saloni del primo e del secondo piano altri stands di prodotti tutti rigorosamente vegani, In alcune sale conferenze sull’alimentazione veg, sulla cucina vegana orientale, corsi di cucina, e una conferenza di sea sheapherd. Tutte le conferenze e i corsi hanno riscosso un successo notevole e molte persone sono e dovute restare fuori perché le sale erano praticamente piene di gente e quindi era impossibile entrare. Il ristorante vegano è stato in funzione e sempre affollato tutti e 4 i giorni della festa. All'esterno un percorso a piedi nudi e un corso di yoga e spettacoli comici e artistici che si alternavano nei vari luoghi del parco della villa. E' stata un'esperienza magnifica, che mi ha davvero dato la piacevole impressione che il veganismo e l’alimentazione vegetariana si stiano diffondendo a macchia d’olio grazie anche ad iniziative di questa portata che contribuiscono a divulgare la cultura animalista.  

 
Vota l\'articolo

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Contattaci

Mandaci una mail, risponderemo in breve tempo.

Sending
Call Now Button
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account